mercoledì 21 giugno 2017

SOS Librereccio #8 - Come costruirsi una ricca libreria spendendo (relativamente) poco :D


Ciao a tutti! :D

Quando mi sono svegliata stamattina, dando uno sguardo alla mia libreria/armadio ad angolo, mi sono detta per l'ennesima volta che devo dare una sistemata ehehe (a mia onta e vergogna, eccovi la foto! xDD) In questi anni sono crollati ben due scaffali, quello dei libri Fantasy e dei libri spirituali, mentre nonostante il peso notevole resistono stoicamente lo scaffale Bronteano, quello Dickensiano/Gaskelliano e quello Dostoevskijano! xDD



Ma la semi-celestiale visione ha anche portato con sé pensieri più ameni, ovvero che fino a sette anni fa non avevo neanche un decimo dei libri che ho adesso, e che essendo figlia di non lettori ho dovuto costruire il mio "patrimonio libresco" praticamente da sola. Il che è davvero una soddisfazione, soprattutto considerando che non sono mai stata ricca! xD
Perché i libri, lo sappiamo bene, costano.
Da qualche anno a questa parte, con il tetto massimo posto dalla legge Levi, siamo stati privati anche degli sconti superiori al 25% che prima erano tanto frequenti, e dunque leggere può rivelarsi un'attività dispendiosa soprattutto se, come me, non si può (perché magari non ce n'è nessuna nelle vicinanze) o non si vuole (perché magari ci si affeziona così tanto a un bel libro che si vuole averlo per sempre a disposizione) usufruire della biblioteca.
Nel mio caso influiscono entrambi i fattori, anche se mi è sempre dispiaciuto un po' non avere una biblioteca ben fornita vicino casa, perché ovviamente è comunque un luogo che mi piace molto...e vuoi mettere poterti portare via i libri senza pagare? xD Le poche volte che l'ho fatto con la biblioteca dell'università è stata una soddisfazione!

Ho deciso allora di condividere con voi tutti i "trucchetti" (che ho messo a punto in anni da lettrice e "accumulatrice seriale" di libri) per costruirsi una bella biblioteca personale senza spendere un capitale! ^^
Avvertenza: se volete molti libri a migliaia di paia di scarpe forse dovrete rinunciare comunque. Posso darvi qualche consiglio ma non fare miracoli ahaha xDD

1) Comprare online


Purtroppo anche se sono una fan delle piccole librerie, che frequento comunque assiduamente sostenendole quando posso (soprattutto se hanno un reparto dell'usato, che secondo me per una piccola libreria è una gran furbata!) spesso per risparmiare acquisto i libri online. Triste, ma è così. D'altronde questo post purtroppo parla di come acquistare libri spendendo poco, nel caso si abbia la reale necessità di risparmiare... ma ovviamente se siete tra i fortunati che possono permetterselo mi raccomando, sostenete le piccole librerie! è davvero triste vederne chiudere tante, soprattutto se storiche.
Online comunque, come saprete, i libri non sono mai a prezzo pieno ma hanno come minimo il 15% di sconto sul prezzo di copertina: che è poca cosa per i paperback, ma diventa già un risparmio di quasi 5 euro nel caso il libro costi più di 20 euro (cosa purtroppo oggi molto frequente, soprattutto per una prima uscita!). E questo risparmio, sommato per tanti libri acquistati nel tempo, diventa ingente.
Per non parlare poi dei veri e propri affari che si fanno con i remainders: libri nuovi venduti anche al 70% di sconto su siti come IBS, Libraccio e La Feltrinelli! Molto spesso sono libri di cucina o giardinaggio, ma spulciando a fondo ne ho trovati molti davvero interessanti, tra cui classici imperdibili, accaparrandomeli felicemente a un prezzo irrisorio.
Spesso sul sito della Feltrinelli si possono trovare libri interessanti con il 45% di sconto e oltre (sono campagne che durano pochi giorni ma le ripropongono di continuo, e coinvolgono migliaia di volumi!). Per ottenere lo sconto bisogna però acquistare almeno tre libri tra quelli selezionati dal sito...ma come fare se a interessarci davvero è solo un volume, o due?
Semplice: ordinate i libri che fanno parte della promozione per prezzo crescente: troverete alcuni simpatici volumetti che costano 1 euro (o anche meno!) ma che vi consentono di raggiungere il numero di tre e poter prendere in sconto il libro che avete scelto, con giusto un paio di euro in più. Semplice, no? ^^

2) Comprare/Vendere libri usati


Questo è forse in assoluto il sistema più valido per costruirsi una bella libreria senza spendere un capitale. Non parlo solo dell'immancabile spulciata tra i testi delle bancarelle o librerie dell'usato anche se, vivendo io in una città dove un' intera strada è dedicata solo a quelle (la mitica Port'Alba di Napoli! ^^) le saccheggio spesso come se non ci fosse un domani xD Parlo anche e soprattutto, ancora una volta, dell'acquisto e vendita online.
Sì, avete capito bene: vendita.
Per quanto mi piacciano i libri infatti non sono una "feticista" dell'oggetto in sé (xD) e mi affeziono a un volume solo se 1) mi è piaciuto davvero molto, ma molto 2) è un volume raro o un classico imprescindibile in una libreria degna di questo nome.
Ragion per cui mi capita spesso di vendere i libri che non appartengono alle due categorie sopracitate.
Siete corsi ad abbracciare i vostri "tesssori", non è vero, miei cari "feticisti"?? xDD Ma pensateci bene: avete davvero bisogno di tenere sullo scaffale a prendere polvere e a fissarvi con sguardo colpevole quel volume sulla numismatica orientale che vi ha regalato il cugino di terzo grado e che avete a stento sfogliato una volta? Oppure l'ennesimo tascabile dal titolo "Se mi lasci ti rovino", "Sono per sempre tua" (e simili xD) comprato nel corso di un raptus librereccio? (è successo anche a me, non temete xD). Ricordate che un libro per voi non particolarmente interessante può rivelarsi un tesoro per qualcun altro, quindi la vendita ha anche un certo risvolto filantropico xD
Se dunque riuscite a fare una selezione di volumi a cui potete rinunciare senza che vi sembri di abbandonare un figlio sul sagrato di una chiesa, ecco i miei metodi privilegiati per trasformarli in un piccolo "capitale"! ^^

- L'acquisto / vendita sul sito di Libraccio

Attualmente è il mio metodo privilegiato, perché oggettivamente molto comodo. Se andate sul sito, nella parte destra della Hope Page, troverete una sezione dedicata alla vendita dei libri. Lì, inserendo il codice ISBN che c'è su ogni libro, potrete controllare se i libri che avete selezionato sono vendibili sul sito e creare una lista vendita. Per ogni libro vi sarà detto quanto guadagnerete, e la cifra sarà raddoppiata nel caso in cui decidiate di essere pagati con buono Libraccio (da utilizzare per acquistare libri sul sito) anziché in denaro. Ovviamente io scelgo sempre questa opzione, davvero molto conveniente! :D
Dopo aver creato la lista vendita (bisogna raggiungere almeno i 15 euro di valore totale dei libri, perché possa essere registrata) e averla registrata, riceverete una mail contenente due documenti: la lista di libri, che dovrete inserire nel pacco, e la lettera di vettura, da attaccare invece ben in vista sopra il pacco.
ATTENZIONE: Se i libri che vendete rientrano in un solo pacco, vi basta chiamare il numero del corriere (contenuto nella mail) per chiedere un "ritiro Libraccio in porto franco" e concordare il giorno del ritiro a casa vostra (il costo del quale è già detratto dal totale, non dovete pagare niente al corriere). Se invece vendete così tanti libri da aver bisogno di spedire due pacchi, dovete chiamare il numero verde di Libraccio e saranno loro a prenotarvi il ritiro. Non dimenticate di mettere la lettera di vettura e la lista vendita in entrambi i pacchi!
Riceverete i soldi (o il buono Libraccio) entro dieci giorni lavorativi dall'arrivo dei libri che avete venduto, e sarete pronti per convertirli in altri libri! xD
Sul sito di Libraccio infatti, proprio grazie all'usato, si fanno veri e propri affaroni: libri che ad altri sono parsi inutili possono essere i tesori che stavate a lungo cercando (io ho trovato lì il volume di Poesie delle Sorelle Bronte della Mondadori, introvabile!).
L'unica piccola rogna sono le spese di spedizione, per azzerare le quali bisogna spendere almeno 29 euro. Si tratta comunque di tre euro scarsi, e nel caso di un libro a lungo desiderato che spunta nell'usato li si ammortizza restando comunque ben al di sotto del prezzo di copertina.

-L'acquisto/vendita su Comprovendolibri

Prima di scoprire Libraccio era questo il mio metodo di vendita e acquisto privilegiato, e mi ci sono sempre trovata benissimo!
Si tratta si un sito in cui sono in vendita esclusivamente libri usati: la compravendita avviene tra privati ma la copertura garantita dal sito è notevole, perché per rientrare tra i venditori bisogna avere un account ufficiale con l'elenco e le copertine di tutti i libri, il prezzo esatto, il metodo di pagamento richiesto (di solito paypal, postepay o bonifico) e si costruisce una rete di feedback tra acquirenti e venditori. Ogni tanto continuo a trovarci volumi interessanti da acquistare, ma ho smesso di vendere lì perché era diventato per me scomodo recarmi ogni volta alla posta per spedire tempestivamente un volume acquistato da qualcuno...senza contare che la spedizione richiesta quasi da tutti, cioè il piego di libri ordinario (costo: circa 1,30 centesimi), mi faceva stare sempre in pensiero, in quanto non tracciabile. Per fortuna tutti i miei pacchi sono sempre arrivati, ma una volta ho quasi sfiorato la "tragedia" per un libro che ha impiegato un mese ad arrivare...a Roma! Da Napoli -.-'
Ah, per chi non lo sapesse il piego di libri è il metodo più economico e vantaggioso per spedire libri :D Se non volete rischiare con quello ordinario c'è quello raccomandato, che è comunque più economico di una spedizione ordinaria (costa circa 4 euro per pacchi fino a due chili).
Se qualche impiegato delle poste ve lo rifiuta dicendo che "è riservato solo agli editori" mostrate loro questo link e questo, che contengono anche tutti i dettagli sul tipo di spedizione ^^

-Lo scambio su Anobii

Ho utilizzato spesso questo metodo tanti anni fa trovandomi benissimo, ma da quando ho iniziato a vendere i libri l'ho abbandonato perché è poco pratico, e temo sia caduto in disuso anche sul sito in generale. Per praticarlo innanzitutto bisogna avere un account con libreria sul sito Anobii, dopodiché bisogna contrassegnare come "scambiabili" i libri che si intende cedere in cambio di altri.
Quando si visita una libreria c'è un'apposita funzione che indica se ci sono libri della propria wishlist tra gli scambiabili di quella persona, il che è molto comodo :D
Purtroppo però il sito non offre alcun tipo di garanzia, è tutto basato sulla fiducia...e anche se io mi ci sono sempre trovata benissimo lo considero proprio l'ultima spiaggia ormai (anche se nella libreria di qualcuno potrebbe esserci tra gli scambiabili proprio quel libro che cercate da tempo! ^^)

3) Leggere in digitale

Sì lo so...si parlava di costruire una bella libreria "fisica" quindi mi direte: che c'entrano i libri digitali? C'entrano eccome! :D Io li leggo ormai da anni e li considero parte della mia libreria a tutti gli effetti, perché rispetto al libro letto in prestito (amicale o bibliotecario) l'ebook ha comunque il notevole vantaggio di essere a mia disposizione tutte le volte in cui voglio rileggerne anche solo alcuni punti! ^^
Poi costa spesso meno della metà del corrispettivo cartaceo, quindi se un libro mi interessa ma non al punto da volerlo subito fisicamente presente in libreria, nel frattempo lo acquisto così...poi se diventa un preferito o un imperdibile arriva anche cartaceo, appena possibile xD
Un'altra categoria di libri per cui è davvero molto utile investire in un ebook reader sono i Classici: dopo 70 anni dalla morte dell'autore infatti le sue opere sono fruibili gratis nella lingua in cui sono stati scritte (non in traduzione perché lì valgono i diritti della casa editrice e del traduttore), il che è davvero molto comodo :D
Proprio in questi giorni ho iniziato a leggere un libro di Lucy Maud Montgomery, Kilmeny of the Orchard, disponibile gratis su Gutemberg.org...in italiano non si trova facilmente e costa un bel po', e leggendolo gratis in inglese prendo i proverbiali due piccioni con una fava: leggo gratis e mi tengo in esercizio con la lingua ^^ Provateci!


Spero che questi consigli vi siano stati utili, e mi raccomando...anche se il folle shopping librereccio è terapeutico (xD) cercate di selezionare al meglio i libri, acquistando solo quelli che siete abbastanza certi possano piacervi! Alla fine questo è il primo metodo per costruirsi una bella libreria su misura conservando (più o meno) intatto il portafogli xD

A presto! :*

venerdì 16 giugno 2017

Scrittrici nella Brughiera #19 - Lucy Maud Montgomery


Ciao a tutti! :D

Oggi riprendo la rubrica Scrittrici nella brughiera, che come sapete ha lo scopo di focalizzare l'attenzione su alcune scrittrici ingiustamente poco note, i cui libri sono scarsamente o nient'affatto reperibili in italiano, e offrire una panoramica più o meno completa sulle opere attualmente disponibili.
Oggi vi presento una scrittrice che negli ultimi tempi, complice anche una bella serie Netflix dedicata al suo personaggio più universalmente noto (insomma, chi non ha mai sentito nominare almeno una volta Anna dai capelli rossi? ^^), sta godendo una nuova popolarità: Lucy Maud Montgomery!



Nata in Canada, sulla stessa Isola che farà da sfondo al suo capolavoro, da piccola era una bambina molto sola e per farsi compagnia inventava personaggi immaginari che riempissero la sua solitudine. Divenne autrice quando era ancora piuttosto giovane, grazie ai racconti che inviava alle riviste canadesi (situazione che farà poi vivere anche ad Anna Shirley), ma il successo arrivò solo con la pubblicazione di "Anne of Green Gables".
La sua scrittura è estremamente delicata e intrisa di poesia, pur mantenendosi sempre fresca e semplice.
Se volete approfondirne la vita dovete assolutamente leggere la sua autobiografia, appena pubblicata in Italia da Flower-ed: "Il sentiero alpino. Storia della mia carriera" (trovate la mia recensione qui).


Si tratta di un'autobiografia breve, scritta su sollecitazione dell'editore e in cui l'autrice non espone tantissimo la sua interiorità (doveva essere una persona molto riservata!) ma che ci dice comunque tanto di lei e ci aiuta a comprendere il personaggio immortale uscito dalla sua penna.
A proposito di Anna, non lasciatevi assolutamente sfuggire la serie che Netflix le ha dedicato, "Chiamatemi Anna". Intensa, con scenografie da sogno e citazioni dai Classici à gogo (ogni episodio ha il titolo di una frase tratta da Jane Eyre di Charlotte Bronte! *_*), è una delle più belle offerte dal colosso dello streaming, approfittatene!

Gli attori della serie sono azzeccatissimi, tra l'altro

Ma torniamo a Lucy Maud. Purtroppo, nei decenni passati, in Italia ha subito la stessa triste sorte di Louisa May Alcott e Frances Burnett: è stata cioè relegata tra le scrittrici "per bambini", e dei suoi numerosi libri solo pochissimi sono stati tradotti, prevalentemente in edizioni dall'aspetto infantile che non invitavano certo gli adulti alla lettura. Ma per fortuna c'è qualche timido passo verso la sua riscoperta come scrittrice "adulta".

Vediamo quali sue opere sono disponibili in italiano e in che edizioni :D

1) La serie di "Anna dai capelli rossi"

Non posso non iniziare dalla sua opera più celebre, che è anche la più semplice da reperire. Purtroppo però il volume che si trova comunemente in commercio, pubblicato da diversi editori e in diversi formati, non è che il primo di nove libri! Eccoli (la traduzione dei titoli, tratta dall'edizione Il gatto e la luna in mio possesso, rispecchia fedelmente gli originali inglesi, ma tra parentesi trovate quella leggermente diversa adottata dall'edizione Mursia):

Anna dei Tetti Verdi (Anna dai capelli rossi)
Anna di Avonlea (L'età meravigliosa)
Anna dell'Isola (Il baule dei sogni)
Anna dei pioppi fruscianti (La casa dei salici al vento)
Il baule dei sogni (La baia della felicità)
Anna di Ingleside (La grande casa)
La valle dell'arcobaleno (uguale)
Rilla di Ingleside (uguale)

The Blythes Are Quoted:

Aggiungi didascalia
Questo libro, scomparso poco dopo la morte dell'autrice, a quanto pare è stato ritrovato solo nel 2000 :O Non mi risulta sia mai stato pubblicato in italiano, per ora, quindi non fa parte della serie "canonica" dei libri di Anna (ma spero possa un giorno arrivare sui nostri scaffali!).


Perché non siano altrettanto noti tutti i volumi, visto che a mio parere l'opera migliora notevolmente dal secondo volume in poi, non è dato sapere. 
La casa editrice Mursia li ha pubblicati tutti in formato cartaceo anni fa, ma purtroppo non tutti i volumi sono attualmente disponibili. Le copertine sono un po' infantili e sembrano proprio dei libri per bambini, ma chi se li è procurati mi ha detto che sono fatti piuttosto bene.

Ecco uno dei volumi Mursia facilmente reperibili

Io però ho preferito la versione ebook di tutti gli otto volumi pubblicata da Il gatto e la luna Editore! Traduzione e cura del volume sono davvero ottimi ma purtroppo è reperibile solo in ebook (tutti e sette i libri costano solo 7,99 euro però, è un affarone).
Alcuni volumi singoli, della stessa casa editrice, si trovano invece in vendita su Amazon.it o Amazon.uk (trovate maggiori informazioni qui).



2) La serie di Emily




Emily della luna nuova
Emily cresce
Emily's Quest (non tradotto)

Qui siamo addirittura davanti a un caso di serie non solo irreperibile, ma anche monca, visto che la Mursia non ha mai tradotto il terzo e ultimo volume. Forse a penalizzare questa trilogia è l'eccessiva somiglianza (almeno di facciata) con la più celebre storia di Anna, visto che anche la piccola Emily vive sull'Isola di Prince Edward, è orfana e ha ambizioni letterarie! Però la vicenda in questo caso è molto più realistica e semi-autobiografica rispetto all'altra. Che dire? Speriamo torni sui nostri scaffali!

2) La serie di "The Story Girl"


The Story Girl
La via dorata

Il caso di questo dittico è ancora più curioso: infatti risulta disponibile in italiano il secondo volume (sempre edito da Mursia della collana Corticelli) mentre manca il primo o_O Le due storie probabilmente sono collegate solo in modo labile, ma è comunque piuttosto curiosa la mancanza del primo volume...tanto più che The Story Girl era il libro preferito dell'autrice (come lei stessa rivela nell'autobiografia!). Speriamo di vederlo presto in italiano. Se voi ne avete notizie ditemelo, a me non risulta che esista ma potrebbe essermi sfuggito!




Romanzi autoconclusivi:



1) Il castello blu



Questo è il primo e finora unico romanzo per adulti di Lucy Maud tradotto in italiano, grazie alla casa editrice che ha portato Elizabeth Gaskell in Italia, cioè Jo March! Che porti anche alla riscoperta di quest'altra bravissima autrice? *_* Speriamo! Pubblicato solo da poche settimane, ovviamente è sulla mia lista dei "prossimamente in lettura"! Appena riesco vi dico com'è, ma la trama già promette più che bene :D
"L'immagine che Valancy Stirling vede riflettersi nello specchio è una figura tristemente scolorita. Ha quasi trent'anni e non ha un marito: quanto basta a renderla motivo di imbarazzo per la sua ingombrante famiglia. Valancy vive secondo le regole imposte da una madre bigotta e accoglie con remissione le scelte che altri fanno per lei. C'è un luogo dei suoi sogni, però, dove si sente libera: il suo "castello blu". La sconvolgente diagnosi di una malattia cardiaca fatale la spinge, però, a uscire dal suo bozzolo di timore e a cercare nel mondo il suo castello: prima, sul limitare di quella "landa desolata" dove abitano i reietti della comunità - Cissy Gay, una ragazza madre malata di tubercolosi, e suo padre Abel, un impenitente alcolista; poi, ancor più lontano, sul Lago Mistawis, dove vive soltanto lo sregolato Barney Snaith, che tutti reputano un criminale in fuga. Ambientato nel Muskoka, dove specchi d'acqua, isole velate dalla nebbia, cascate scroscianti e boschi inestricabili si fondono nel magico silenzio della natura canadese".

2) Magia per Marigold



Questo romanzo autoconclusivo è disponibile in ebook grazie a Il gatto e la luna, mentre purtroppo in versione cartacea è stato pubblicato solo dalla casa editrice Fabbri nel 2002, ma adesso risulta irreperibile :(
La protagonista Marigold, immaginifica e creativa, ricorda molto Anna!

3) Il frutteto incantato


La copertina in stile "Liala" mi fa un po' rabbrividire (non me ne vogliano i suoi estimatori ma a me mettono i brividi i suoi libri e sì, ho provato a leggerne qualcuno che apparteneva a mia madre..brrr xDD) ma questo romanzo pubblicato da Mursia sembra molto carino! Si tratta della delicata storia d'amore tra un violinista e una ragazza muta, che ha il sapore di fiaba. Purtroppo ancora una volta è scarsamente reperibile :( Il titolo originale è Kilmeny of the Orchard, e spero possa essere ristampato o pubblicato in una nuova traduzione da qualche altro editore.

Romanzi ancora mai tradotti in italiano


1) La serie di Pat


Pat of Silver Bush
Mistress Pat

Questo dittico per ragazzi ha ancora una volta per protagonista una ragazzina, Pat appunto, le cui vicende familiari l'autrice segue da quando la piccola ha 8 anni fino a quando ne compie 17. Ma a differenza di altri romanzi è molto più "domestico": la protagonista è tranquilla e devota alla famiglia, nonché totalmente priva di ambizioni letterarie.

2) A Tangled Web

In quest'altro romanzo per adulti ci troviamo di fronte a una doppia saga familiare, poiché seguiamo le vicende di due famiglie i cui membri si sono uniti in matrimonio nel corso di tre generazioni, dando vita a una fitta "rete" di relazioni.









3) Jane of Lantern Hill

Anche questa si configura come una saga familiare complessa, con al centro una tipica eroina "Montgomeriana" (Jane, appunto). Nel 1990 ne è stato tratto anche un telefilm!








Ai romanzi che vi ho elencato si aggiunge un numero spropositato di racconti e storie brevi pubblicati su riviste varie, che starebbero proprio bene in una raccolta...chissà, magari un giorno potremo leggerli! :D

Vi lascio con la foto di Lucy da bambina...che dite, non era identica alla sua Anna?? ^^



A presto! :*

    mercoledì 14 giugno 2017

    "L'età vittoriana nella Letteratura", di G.K. Chesterton


    Ciao a tutti! :D

    Oggi vi recensisco un saggio che mi ha attivato tutti i "sensori librerecci" appena l'ho visto sullo scaffale della libreria: e non può essere altrimenti quando in un solo volume si trovano riuniti l'età vittoriana, la Letteratura e uno scrittore arguto e intelligente come G.K. Chesterton!




    "L'età vittoriana nella letteratura" è un piccolo saggio edito da Adelphi in cui Chesterton, con il fine umorismo e l'arte del paradosso che caratterizzavano ogni suo scritto, ci parla di quella grande epoca letteraria che nessun vero amante dei Classici può disdegnare. Essa ebbe infatti, come l'autore ben ci illustra, delle peculiarità uniche e irripetibili, strettamente connesse con il periodo storico in cui nacque e le sue contraddizioni.

    Il saggio è diviso in quattro parti:

    1) Il compromesso vittoriano e i suoi nemici
    2) I grandi romanzieri vittoriani
    3) I grandi poeti vittoriani
    4) La rottura del compromesso


    La seconda e la terza parte sono quelle che ho preferito! Largo spazio viene dato alle romanziere, cui Chesterton riconosce un ruolo preminente nella materia trattata: "Il romanzo dell'Ottocento fu femminile, tanto quanto quello del secolo precedente fu maschile", scrive.
    Le parole più lusinghiere sono spese per Jane Austen (e come potrebbe essere altrimenti? Anch'io continuo a trovarla una delle poche scrittrici del passato pienamente apprezzabili anche dagli uomini, a dispetto delle "merlettature" che le sono state apposte in seguito xD) ma ovviamente non possono mancare  le autrici "brughierose" per eccellenza: le sorelle Bronte! *_* La più apprezzata come autrice è Charlotte, ma al genio di Emily è comunque dato un doveroso tributo. Molto apprezzata anche George Eliot, sulla cui "cerebralità" (un po' a discapito dei sentimenti) concordo perfettamente con l'autore xD

    Mi sono innamorata di questo pezzo su zia Jane! <3

    Chesterton si dimostra tuttavia palesemente frettoloso nel chiudere la parte femminile dell'opera, in cui per sua stessa ammissione non si sente a suo agio, per tornare agli uomini, e qui c'è la piccola nota dolente del saggio (che tuttavia riguarda solo me e non certo il suo indiscutibile valore): Dickens, Coleridge, Henry James e Browning a parte, purtroppo parla di romanzieri e poeti vittoriani a me ancora del tutto sconosciuti, se non di nome almeno di fatto :( 
    Questa colpevole ignoranza mi ha un po' guastato la lettura, perché ovviamente Chesterton parla di loro come se fossero ben noti al lettore (un po' anche perché più vicini all'epoca in cui scrive, sicuramente). Probabilmente oggi la conoscenza di molti degli autori citati è appannaggio soprattutto di chi studia in modo approfondito quel periodo storico e la sua Letteratura, e penso che soltanto questi fortunati potranno gustare il saggio in tutte le sue sfumature!
    A noi "profani" resta un po' l'amaro in bocca, come se si iniziasse quella che si prospetta una lauta cena partendo dal secondo anziché dagli antipasti o dal primo piatto (non so se ho reso bene l'idea, non me la cavo benissimo con le metafore ahaha ^^), ma fa davvero venir voglia di approfondire la conoscenza di tutti gli autori citati!
    Poi la prosa di Chesterton fa sempre elevare verso le "alte vette" (dovrei dedicargli un post a parte, lo trovo geniale e unico!), e le pagine sulle romanziere e sulla poesia sono pura delizia <3

    G.K.Chesterton


    Titolo: L'età vittoriana nella letteratura
    Autore: G.K. Chesterton
    Editore: Adelphi
    N. Pagine: 211
    Prezzo: 14 euro

    A presto! :*

    martedì 6 giugno 2017

    La Brughiera Contemporanea #2 - "Come petali sulla neve", di Antonella Iuliano


    Ciao a tutti! :D

    Eccomi a recensirvi un altro romanzo contemporaneo, che però com'è tipico di questa scrittrice ha il sapore di un classico...Si tratta di "Come petali sulla neve", di Antonella Iuliano! ^^




    Philip è un orfano che vive in un istituto in Irlanda del Nord. Convinto di non avere parenti al mondo, resta oltremodo stupito quando, quasi per caso, scopre di avere addirittura un gemello, che fu adottato in fasce e portato in Inghilterra. Desideroso di ricongiungersi con lui e capire per quale motivo la sua esistenza gli sia stata celata, Philip parte per cercarlo...

    Di Antonella Iuliano ho già letto e apprezzato tantissimo il secondo romanzo, "Charlotte - La storia della piccola Bronte" (trovate la recensione qui). Mi piace molto il suo stile pacato e poetico ma dai sentimenti forti, che in questo romanzo evoca addirittura atmosfere dickensiane: tra orfani tenuti all'oscuro di misteriosi segreti del loro passato e agnizioni, si respira una gradevole atmosfera da "mistery" classico! Il forte amore per i libri che caratterizza l'autrice si avverte poi anche in questo romanzo che non li vede direttamente protagonisti: Philip infatti è un lettore vorace e lavora in una libreria!^^
    Per mio gusto personale tra i due romanzi di Antonella che ho letto finora ho preferito "Charlotte", solo e semplicemente perché sono riuscita a immedesimarmi di più nella protagonista. Ma questo è un romanzo davvero originale, che si discosta dai soliti modelli romanzeschi (lui, lei, eventualmente l'altro xD) per esplorare un campo a mio parere troppo sottovalutato in Letteratura a vantaggio dell'amore: l'amicizia, ma soprattutto l'amore fraterno. Un amore viscerale, sancito dal legame di sangue, che trascende le differenze di stile di vita e trova il modo di affermarsi nonostante la distanza.
    Non a caso il mio cartone animato preferito in assoluto, quando ero piccola, era l'unico che parlava solo d'amicizia e amore fraterno (lo struggente "Romeo's blue skies", lo conoscete?) Questo romanzo un po' me lo ha ricordato, se non nelle vicende raccontate almeno nello spirito. Mi piacerebbe leggere più storie così!

    Titolo: Come petali sulla neve
    Autore: Antonella Iuliano
    Editore: Genesis Publishing
    N. Pagine: 250
    Prezzo cartaceo: 11,60 euro
    Prezzo ebook: 3,99 euro

    Lo trovate su Amazon :D Se non lo conoscete già vi consiglio di dare un'occhiata anche al bel blog  dell'autrice, Tra l'erica e le campanule, deliziosamente "brughieroso" anche lui!

    A presto :*


    venerdì 2 giugno 2017

    "La colpa", di Elizabeth Taylor


    Ciao a tutti! :D

    In questi giorni, complici gli sconti della Beat (casa editrice che tengo sempre d'occhio, visto che pubblica in gradevoli versioni economiche i testi della carissima Neri Pozza xD) mi sono imbattuta in un romanzo che non avevo mai sentito nominare, sebbene l'autrice mi fosse già nota per il romanzo "Angel" (che non ho ancora letto, ma di cui ho visto il film con Michael Fassbender e Romola Garai). Si tratta di "La colpa" di Elizabeth Taylor!




    Amy e Nick sono due coniugi inglesi di mezza età in vacanza nel Mediterraneo in quella che sembra una sorta di crociera. Nick si è appena ripreso da una grave malattia e durante il viaggio stringe amicizia con una giovane e stramba scrittrice americana di nome Martha, che per la sua eccentricità non incontra il favore della convenzionale moglie Amy. Ma quando Nick muore improvvisamente nel corso della vacanza è proprio Martha a prendersi cura della vedova, e continua a farle visita anche al ritorno in Inghilterra, coinvolgendola suo malgrado nella propria vita...

    Anche se non c'è un riferimento temporale ben preciso, la Seconda Guerra Mondiale è presentata come un fatto ancora piuttosto recente, per cui presumo che la vicenda sia ambientata negli anni '50 del '900. Il romanzo è scritto benissimo, ricco di dettagli vividi che restano impressi nella mente del lettore e mi ha ancor più convinta a leggere "Angel", romanzo dalla trama interessantissima.
    Mentre invece il grande difetto di "La colpa" è proprio l'assenza di una vera a propria trama: più che narrativo questo è un romanzo descrittivo, fatto di sensazioni più che di avvenimenti, il cui fulcro più che la colpa (marginale, a mio parere) è la stanchezza.
    Questo è l'ultimo romanzo dell'autrice, pubblicato postumo...e direi che si vede. Sembra proprio il testamento disincantato di un'anziana signora che fa un bilancio della propria vita e la scopre tutto sommato piuttosto vuota e noiosa. La protagonista, Amy, mostra molti più anni di quanti ne abbia in realtà (la sua età non viene specificata, ma credo sia situata tra i 55 e i 65 anni) e sembra decisamente fuori posto nel mondo: soprattutto dopo la morte del marito, a cui aveva dedicato tutta la propria esistenza. Neanche le nipotine, forse i due personaggi meglio caratterizzati di tutto il libro (la piccola Isobel farebbe perdere la pazienza anche a un Santo xD)  riescono a scuoterla... né tantomeno ci riesce l'invadente Martha, personaggio dal potenziale non sfruttato al massimo perché lo spazio a lei dedicato nella narrazione è purtroppo irrisorio.

    Lo consiglierei? Nì. Non posso dire che non si legga con piacere, complice l'elevato livello della scrittura, ma per mio gusto personale amo i romanzi più ricchi di avvenimenti e che comunicano qualcosa di più. Ma forse se anziché 30 avessi 50 o 60 anni mi farebbe un effetto diverso xD
    Comunque la copertina è ammaliante, mi sa che è stata quella a fregarmi...complice anche il magico nome "Jane Austen", che chissà perché ormai appare sulle copertine dei libri di tutte le autrici della prima metà del '900... e anche su alcune contemporanee, se solo si azzardano a parlare di quattro amiche che prendono il tè insieme! xD

    Titolo: La colpa
    Autore: Elizabeth Taylor
    Editore: Beat
    N. Pagine: 175
    Prezzo: 9 euro